Home Docenti Postacchini Marco

Postacchini Marco

Docente di Sassofono, Armonia, Composizione e Arrangiamento Jazz

Contatto

Informazioni:
Si diploma in sassofono nel 1997 al conservatorio di musica “G.B.Pergolesi” di Fermo sotto la guida del M° Massimo Mazzoni, in Musica Jazz al conservatorio “G.Rossini” di Pesaro nel luglio 2005 sotto la guida del M° Bruno Tommaso, in Strumentazione per Banda nel settembre 2005 sotto la guida del M° Luigi Livi ed in Composizione nel settembre del 2008 sotto la guida del M° Lamberto Lugli presso il conservatorio “G.Rossini” di Pesaro. Nel maggio 2003 si è laureato presso l’Università degli studi di Macerata in Economia Bancaria, Finanziaria ed Assicurativa. Nel marzo del 2013 ha conseguito il Diploma Accademico di II livello in Jazz, specializzandosi in Composizione, Arrangiamento e Direzione per Orchestra Jazz sotto la guida mel M° Gianmarco Gualandi. In ambito classico, inizia le proprie collaborazioni nel 1996 entrando a far parte dell’Ensemble di sassofoni “Sax Chorus” diretta da Alberto Domizi partecipando alla registrazione di due cd sotto la guida del M° Alberto Domizi. Il secondo dei due lavori discografici, pubblicato nel 2002, contiene composizioni originali per ensemble di sassofoni scritte da autori contemporanei come Tesei, Samorì, Nicolau, Ferrante ed altri. Entrambi i lavori discografici sono stati prodotti dalla Ra.Ra. Edizioni Musicali. Ha svolto attività concertistica di tipo cameristico con il “Symphonia saxophone quartet”. Ha partecipato ad una serie di concerti della “OIDI Jazz Band” diretta da Massimo Mazzoni in alcuni teatri del Piceno, organizzati dall’Orchestra Internazionale d’Italia, collaborando successivamente con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana in occasione dell’allestimento del balletto “Corto Maltese”con musiche scritte da Paolo Conte. In ambito Jazz inizia fin dal 1995 a collaborare con diverse Big Band del centro Italia come la Jazz & Jam Big Band diretta dal M° Ramberto Ciammarughi, la Colours Jazz Orchestra diretta dal M° Massimo Morganti con la quale ha avuto l’opportunità di collaborare in più occasioni con Kenny Wheeler, John Taylor, Ayn Inserto, Bob Brookmeyer, Bob Mintzer e Maria Schneider, la Riccione Jazz Orchestra diretta dal M.° Bruno Tommaso, la Rolli’s Tones Big Band diretta da Maurizio Rolli e la Paolo Belli Big Band. Ha suonato con importanti musicisti come Massimo Manzi, Rita Marcotulli, Maurizio Giammarco, Flavio Boltro, Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, Javier Girotto Marco Tamburini, Bob Mintzer, Peter Erskine, Bob Brookmeyer, Maria Schneider, Scott Robinson, Mike Stern, Kenny Wheeler, John Taylor e Ayn Inserto. Si è perfezionato nello studio dell’improvvisazione e del linguaggio jazz nel 2001 con il sassofonista Emanuele Cisi, nel 2004/2006 con il pianista Ramberto Ciammarughi, e nel 2010 negli Stati Uniti sotto la guida del trombonista-didatta Hal Crook, docente al Berklee College of Music di Boston. Nel 2006 studia a Roma arrangiamento e composizione per orchestra jazz con il M° Marco Tiso. Nell’aprile del 2008, una sua composizione, “Fat fish” arrangiata per Big Band e’ stata eseguita dalla European Colours Jazz Orchestra con ospite rosario Giuliani, in una serie di quattro concerti organizzati dal Marche Jazz Network. Svolge regolare attività concertistica con le seguenti formazioni: Marco Postacchini Octet- MP’s Jazzy Bunch (di cui è leader e compositore delle musiche), Machine Head Quartet, Blackbirds sextet, Vertex quintet, Manzi - Solarino Jazz Quintet, A Remark you made – tributo ai Weather Report, Filippo Gallo Jazz quintet feat. Marco Tamburini, Out of the blues, Birth of the cool collective, Roberto Zechini quintet, Samuele Garofoli quintet. Nel giugno del 2010 è uscito il primo lavoro discografico a suo nome “Lazy Saturday” prodotto dalla Not.A.Mi. Jazz edizioni Musicali. nel quale sono state registrate musiche originali da lui composte ed eseguite dal Marco Postacchini Octet – MP’s Jazzy Bunch. Dal settembre 2004 al dicembre del 2006 collabora con la cantante Antonella Ruggiero dopo aver preso parte alla registrazione del disco “Big Band!”.